Fiabe

C'era una volta un pupazzo di legno, prese di corsa un difficile impegno. Voleva coprirsi e con mille colori voleva vestirsi.

C’era una volta un pupazzo di legno che voleva vestirsi coi colori del cielo e della terra.

Si guardò attorno e vide un bell’albero in fiore con boccioli arancioni e foglioline verdi (indicate la pietanza nel piatto).

Subito se ne impossessò e se li mise addosso (a questo punto fate un bel boccone con carote e piselli al vostro bambino e metteteglieli in bocca).

Subito si rimise a girare e cammina cammina vide anche un cespuglio di fiori con delle belle radici (carne e verdura), un raggio di sole (frutta), una foglia delicata (insalata), un bocciolo di rosa (salmone) e così via.

Altro su: "La fiaba del pupazzo di legno"

Un topino che girava per la giungla
La fiaba del topino per imboccare tuo figlio.
Filastrocca del brodino
Oggi ho proprio esagerato, sono anche un po' ingrassato. Devo stare leggerino, ecco un ottimo brodino.
L'inverno ormai alle porte
Le giornate son più corte, qui l'inverno è ormai alle porte. Non si mangiano aragoste, ma delle buone caldarroste.
La ranocchia nello stagno
Se tuo foglio mangia poco ecco una filastrocca simpatica.
Gentucca cappellaia faceva dei cappelli
La filastrocca di Gentucca cappellaia che faceva dei cappelli che erano i piu' belli.
Filastrocca degli zucchini
Già si sa che i bambini non gradiscon gli zucchini. Se ripeti queste rime, la verdura non ti opprime.